lunedì 5 dicembre 2011

One Day: il film


Poco dopo aver finito il romanzo, la mia solita curiosità per le trasposizioni cinematografiche e per la classica dialettica cinema vs letteratura, mi ha portato a voler vedere il film omonimo con Anne Hathaway e Jim Sturgess.
So che sono due forme d'arte imparagonabili e autonome ma consentitemi di scrivere due battute di immediato e irresistibile confronto.

Dunque, il film, diretto da Lone Scherfig (regista nota soprattutto per l'adorabile An Education) e sceneggiato dallo stesso Nicholls, è abbastanza somigliante al suo papà cartaceo, ne riprende la struttura "annuale" e lo stile en passant, ma il risultato finale è un po' più superficialotto e scheletrico.
Il romanzo ha già una rapidità e un'istantaneità sua innata, con il suo dire e non dire, il suo narrarci un solo giorno all'anno per venti anni della vita dei protagonisti e nasconderci gli altri 364 giorni; nonostante questo però si tratta di una storia completa e profonda, in cui ogni 15 luglio è ricco di senso e ci dice qualcosa di importante e decisivo sulla vicenda di Emma e Dexter.

Nel film questo aspetto è stato ulteriormente velocizzato e sfoltito e ci sono certi 15 luglio di certi anni che appaiono e scompaiono in un istante senza dire o aggiungere nulla, una toccata e fuga che riduce un intero capitolo in una manciata di minuti se non addirittura di secondi. Per cui certe parti sembrano troppo povere di contenuto e durata, troppo insoddisfacenti.
Ma si tratta di cinema, di pellicola in movimento per due ore al massimo e non si poteva fare altrimenti; una sceneggiatura non è un romanzo.
Il problema è che Un Giorno sembra già di per sé una sceneggiatura più che un romanzo, e così la sceneggiatura cinematografica sembra il riassunto di una sceneggiatura! Non so se mi sono spiegata!

Ho notato poi qualche scelta differente credo di natura logistica e di produzione, come il soggiorno post laurea di Dex a Roma che nel film diventa Parigi o la vacanza estiva in Grecia che diventa una vacanza in Francia e altre cose che comunque, se non si è letto il libro, non hanno nulla di strano.

In conclusione, io ho preferito il libro ma il film è pur sempre piacevole e coinvolgente, con una Anne Hathaway starordinariamente bella e calata nel ruolo, una musica delicata e malinconica di sottofondo, una fotografia molto romantica e toccante.
Se non lo avessi letto forse avrei trovato il film migliore, ma è sempre così e io ho il vizio di leggere tutti i libri da cui sono stati tratti film e viceversa!

15 luglio 1988
15 luglio 1992
15 luglio 1999
15 luglio 2001

15 luglio 2004...

11 commenti:

  1. come già ti avevo detto, il film l'ho apprezzato abbastanza. in effetti c'è un po' la sensazione che manchi qualcosa, però non avendo letto il romanzo ho potuto godermelo senza il peso del confronto

    RispondiElimina
  2. hai colpo perfettamente il punto...io il libro non l'ho ancora letto ma mia sorella me lo aveva descritto come bellissimo...questo film invece lo definirei "carino"ma non bellissimo(anche se sul finale le lacrime si versano lo stesso)..la sensazione è appunto che sia una specie di maratona per arrivare alla fine dei 20 anni entro le 2 ore(ma neanche)di durata del film...avrebbe fatto meglio a tagliare via gli anni inutili e ad approfondire di più i personaggi!mia recensione qui:
    http://firstimpressions86.blogspot.com/2011/12/one-day.html

    RispondiElimina
  3. @Marco infatti credo che se non avessi letto il romanzo me lo sarei goduto di più, però come dici tu, c'è la sensazione che manchi comunque qualcosa, indipendentemente dal libro!

    @Alessia hai ragione, è un film-maratona che in alcuni punti corre troppo. Il romanzo ha la stessa impostazione ma è molto più bello e completo!

    RispondiElimina
  4. Trovo il film decisamente scheletrico rispetto al romanzo.. mi ha deluso parecchio.. ma la Hathaway è semplicemente favolosa.

    RispondiElimina
  5. Anch'io ho il vizio di leggere i libri da cui vengono tratti i film... ma lo faccio sempre DOPO aver visto il film, e non viceversa ;-)

    Lo faccio per un motivo ben preciso: in questo modo evito di immedesimarmi e immaginarmi troppo i personaggi, così da non restarci male vedendo il film 'dopo'. Il film, non dimentichiamocelo, è sempre un piccolo 'tradimento', perchè deve per forza 'limare' certe parti... e inoltre in questo modo esprimo un giudizio molto più obiettivo.

    Nel caso di questo 'One Day', comunque, continuo a ritenere il film molto, molto tirato via. Hai detto bene te, un 'bignami'. ;-)

    RispondiElimina
  6. eh si, un "bignami" rende bene l'idea di quello che è questo film sia oggettivamente sia rispetto al romanzo!

    RispondiElimina
  7. stragirl è vero, trovo anch'io che la Hathaway sia favolosa, ha una bellezza intensa e non scontata che arriva molto a chi la guarda.

    RispondiElimina
  8. Devo assolutamente vederlo ma non lo trovo in streaming :/ !! Aspetterò che esca il dvd o nell'attesa comprerò il libro (cosa molto probabile) Bel blog ((; Un bacio xxx

    RispondiElimina
  9. grazie Lucia! Leggiti il libro che è più bello del film :)

    RispondiElimina
  10. a me è piaciuto tantissimo il libro: il film devo ancora vederlo... ti farò sapere il mio parere!

    ciao, federica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Federica, allora aspetto di sapere cosa ne pensi! Io ho preferito il libro al film...

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...