I Love Books: 32. Una donna


Finalmente ho finito questo libro che mi ha angosciata, delusa e intristita. Credo di aver sbagliato periodo di lettura, perché Una donna è una di quelle opere di valore storico che richiedono un cantuccio caldo e assorto in cui rifugiarsi, un clima esterno freddo che favorisca il raccoglimento interiore, e non un'estate di caldo vivacissimo e luce accecante. Il contrasto tra il grigiore del libro e il mondo esterno estivo è stato troppo forte per me e mi ha creato squilibri emotivi. Da qui il senso di fastidio e di soffocamento e la relativa conta delle pagine.

Una donna è la storia di una donna talmente repressa e depressa da risultare pesante e assillante, come se la poveretta venisse a sfogarsi sulla nostra spalla senza però prometterci di fare in modo che le cose cambino. Dà quasi sui nervi e non l'ho percepito quasi mai come un'opera-manifesto del femminismo delle origini, così tiepido com'è nella ribellione.

Ok, i fatti narrati risalgono ai primi del Novecento e la donna all'epoca era una creatura subalterna e poco più di un mero utero sforna-figli, ed è proprio questo il punto: Sibilla non fa nulla di forte per cambiare questo stato se non alla fine del libro e nel modo più sbagliato e atroce che possa esserci.
Si dedica alla scrittura, e questo di per sé è un atto di ribellione, ma lo fa senza trasmettere vitalità e voglia di rivalsa, in modo quasi stanco e filosofico, senza slanci appassionati verso l'azione e la realtà.

Lo stile poi è arcaico e ricco di termini ormai caduti in disuso e per questo la prosa risulta ridondante e ampollosa, fatta più di tono che di ritmo. Tuttavia, un lettore che ami leggere riuscirà a farlo fino alla fine senza sforzi sovraumani.

Nel complesso un'opera sicuramente da leggere ma più per dovere bibliografico verso l'importanza dell'argomento che per  puro piacere di lettura fine a se stesso.

Ed ora spazio ad una lettura più frivola e spensierata, fa troppo caldo ;)

Commenti

  1. io l'ho letto prendendolo in prestito a mia madre... effettivamente non è una lettura molto leggera e/o scorrevole, ma di certo non manca di fascino!
    ciao, Gaia

    RispondiElimina
  2. beh si, ha il fascino di un libro storico e anche il suo stile datato può affascinare ma, come ho scritto nel post, in generale mi ha deluso e messo tristezza, forse anche perché l'ho letto nel periodo sbagliato...
    Ciao Gaia :)

    RispondiElimina
  3. ciao Margherita
    c'è un regalo per te, passa dal mio blog!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Il mio parere su Chiamami col tuo nome

Serie tv mon amour: 38. The Young Pope

La Donna della Domenica: 4. Natalie Portman

Il mio parere su Jane Eyre (2011)

L'apocalisse di Dexter?

Il mio parere su Moonlight